lunedì 13 marzo 2017

Piscina!!

Come già accennato, gli ultimi mesi sono stati per noi un po' duri tra visite, malattie e notti insonni avevamo bisogno di ritrovare un po' di spensieratezza e così dopo aver girato almeno 5 centri sportivi, sono riuscita a trovare un buco per fare un corso in acqua con la mia piccola iena... diciamo che avrei fatto meno fatica a trovar posto da Cracco, è da gennaio che ci provo!!
Domenica finalmente abbiamo esaudito il nostro sogno che per molti può trasformarsi in un incubo.
Si, lo so, fior fiore di mamme blogger hanno ampiamente dimostrato come il corso di nuoto nel suo continuo vesti svesti, asciuga, lava, asciuga e rivesti possa essere più faticoso dello spinning e con assai minor beneficio...ma che vi devo dire, io adoro la piscina, fin da piccola e anche se portare una bambina di 18 mesi vuol dire organizzare anche il proprio cambio oltre al suo visto che si entra insieme, sono effettivamente gasata.
Come al solito avendo zero fiducia in me stessa nutrivo una certa preoccupazione per la preparazione della borsa ma anni e anni di corsi mi hanno aiutato.
Ecco come ci siamo organizzate:
Il borsone di Cath and kidston è un regalino in ricordo della mia amata Londra ed è l'ideale perché ha lo scomparto per le scarpe e una busta interna dove riporre il cellulare, chiavi e portafoglio.
All'interno ho creato un sistema matriosca, o per meglio dire ho diviso in diverse borsette.
In una ho messo i prodotti da portarsi in doccia: ho acquistato questi due flaconcini discretamente piccoli di zerotre bio, mi trovo molto bene e il bagnoschiuma lo uso anche per me ma giusto per una sciacquata perché poi mi sistemo a casa.

Borsa pannolini dove tengo una scorta di quelli da piscina e quelli normali, ho deciso però di mettere un pannolino d'acqua direttamente nel borsone del cambio della bambina di modo che mi portò solo quello al fasciatoio.
Ho acquistato una borsa impermeabile dove metto gli articoli da piscina di Sveva e li rimetto dopo la lezione quando sono tutti bagnati per non inumidire il resto.
Ci aggiungo anche il mio costume e il mio accappatoio bagnati, per risparmiare tempo e non incasinarmi troppo il costume lo indosso prima di uscire da casa.
Infine mi porto una borsa di quelle che danno in regalo o in cui si infilano borse dove ripongo i vestiti asciutti mentre siamo in acqua.
Dividendo così non rischio di rivoltare il borsone ma so esattamente dov'è tutto, buste più piccole da portarmi direttamente al fasciatoio e alla doccia .
Per ultimo mi porto una vecchia salvietta che uso come traversina.
L'esperienza è stata bellissima, piccola iena si è dimostrata entusiasta e senza paura, adesso bisogna trovare il modo di fare un corso serale per favorire il riposo notturno visto che l'acqua la rilassa particolarmente.