lunedì 25 luglio 2016

Prima vacanza con piccola iena: bilanci

È quasi mezzanotte, Sveva gioca piena di energia ai miei piedi e io ne approfitto per scrivere un po',di ritorno da queste due settimane di vacanza.
È stata la nostra prima volta a tre.
Mi è stato detto che non erano più ferie, che non mi sarei riposata e che non essendo abituata a ritmi da bambino mi sarei rotta le scatole.
Invece smentisco tutto. Già essere in due tutto il giorno è un'altra storia, io che a Londra me la spupazzavo dalle 7 alle 20 e una volta a settimana tutto il giorno no-stop, posso affermare che mi sono rilassata... Poter dire, dai,  il pranzo daglielo tu o poter cucinare senza la paura di averla sempre dietro mentre sposto pentole bollenti... È pura vita!
Durante il giorno cercavamo di ritagliarci dei momenti in cui a turno staccavamo un po', tipo fino alle 16 io stavo in casa con Sveva e Fra se ne stava in spiaggia  così quando arrivavo mi buttavo nel mare e stavo a mollo per un bel po' senza pensieri.
Al mare, il fatto che le giornate si ripetano tutte uguali, ha aiutato Sveva ad avere  giornate ben scandite e la piscina calda ha contribuito con un effetto rilassante pazzesco, mentre la settimana al lago è stata più movimentata.
Diciamo che in due settimane abbiamo spaziato tra mare lago e montagna.. Sì perché Colico è un crocevia per diverse destinazioni e avendo la fortuna di una cara amica che  ci ha prestato lo zaino per bambini e che stranamente piccola iena stia meglio lì che nel passeggino, abbiamo fatto due bellissime escursioni: una in Val di Mello e una in Engadina.
Adesso che mangia quasi come noi è più facile portarsi un pranzo al sacco...tutta un'altra vita!

Ma vediamo nel dettaglio ogni località.

CORFÙ:
Siamo stati molto fortunati perché a quanto pare il nostro "studios" dava sulla spiaggia più bella della zona. 
Mare caldo e pulito, sdraio sotto i pini marittimi quindi sempre all'ombra e meno male visto le temperature elevate. Per chi fosse interessato alloggiavamo al "Riviera" di Barbati, consigliatissimo.
L'appartamento aveva un grande balcone, angolo cottura e in dotazione lettino e seggiolone.
Fuori sulla strada ci sono diversi ristoranti, la cucina greca è strepitosa e sanissima, solo verdura, pesce e frutta.
Barbati non è un paesino ma una strada, così per alcune sere abbiamo noleggiato la macchina per visitare la capitale e un altro paesino mentre durante il giorno non ci siamo mossi, un po' per il caldo e per la paura di non trovare altre spiagge con alberi e un po' perché dopo un anno con Sveva, due traslochi e contro traslochi eravamo a pezzi ma a dirla tutta lì si stava davvero bene e la bambina preferiva la piscina al mare.

Colico lago.
Atterrati domenica sera, siamo ripartiti lunedì mattina destinazione casa del marito a Colico. Ero un po' preoccupata all'idea di passare le vacanze a casa, pensavo che soprattutto Francesco si sarebbe annoiato e invece devo dire che ci siamo ricreduti.
Io sono una fan accanita del non toccare neanche un mestolo in ferie ma con una bambina così vivace penso sia molto meglio ... andare nei ristoranti con lei è una tragedia, agitatissima vuole assaggiare tutto, non sta ferma e grida come una matta salvo quelle rare occasioni in cui si addormenta ( e noi per la felicità ci scolavamo il vino alla goccia).
Mentre a casa quando mangiavamo qualcosa ,lei giocava tranquilla , l'alternativa è piazzarle davanti un iPad ma se posso evito. 
Dunque trascorrevamo le giornate in piscina o facendo lunghe camminate, ma incredibilmente sono ingrassata cosa di cui parlerò in un altro post.
La sera ci giravamo i vari paesini sul lago.
Durante questa settimana siamo stati due volte in montagna scegliendo però sentieri non troppo impegnativi perché lo zaino per bambini pesa davvero molto.
Anche la montagna con nana al seguito si è rivelata una bella esperienza e l'anno prossimo siamo preparati per ogni evenienza...  Chissà cosa sceglieremo! 
A pensarci bene Sveva è già stata in quattro stati diversi... Pazzesco per me che il primo aereo l'ho preso a vent'anni.