domenica 3 aprile 2016

7 mesi: ritorno di una vecchia amica ( l'insonnia)

Sapevo che non sarebbe durata a lungo: la piccola iena ha ripreso a svegliarsi almeno due o tre volte a notte.
Certo, non siamo più ai livelli delle 3 ore su 24, ma dopo aver passato un idilliaco sesto mese è dura tornare a questo nuovo ritmo.
Penso dipenda dall'introduzione della pappa e dai denti, che ancora non spuntano... O dal cambio dell'ora, del paese, del malocchio.
In compenso con lo svezzamento andiamo avanti spedite, mangia tutto e con gusto,fare i brodi è un po' palloso ma piuttosto che i beveroni britannici preferisco attenermi al vecchio metodo.
Ora che abbiamo acquistato definitamente la posizione seduta, gettiamo le basi per il gattonamento, non so quando si lascerà andare ma è davvero uno spasso vederla nei suoi tentativi verso la conquista del movimento.
Con il passeggino andiamo così così... Va a giornate, per esempio quella volta che ha cominciato a piangere senza sosta, dopo diversi tentativi per convincerla a godere della natura, del sole ma niente, neanche le minacce di lanciarla nel laghetto sono servite. Ci avviamo verso l'uscita mentre dei nonni inglesi cercano di farla sorridere, ma lei si incazza ancora di più e dopo sorrisi di compatimento, questa volta alla sottoscritta, cercano di mettere quanta più distanza gli consente la loro camminata con bastone... Ecco arriviamo e mi accorgo che presa dal suo umore nero, la piccola iena ha lanciato le scarpine in un punto non meglio identificato del parco. Tiro giù tutti i santi inglesi e italiani e quasi scoppiando a piangere mi faccio forza e rientro con le sue urla ancora più forti.
Poi ci sono giornate idilliache in cui giriamo, andiamo per negozi, guarda con interesse cigni e pavoni, sorride al prossimo e dorme beata permettendomi di stramazzare su una panchina con il lusso di poter sfogliare le pagine di un libro.
Chissà da cosa dipende... Intanto la nostra amata permanenza nella casetta londinese si è interrotta venerdì sera mentre il marito folleggiava con gli amici e io e la nana ci sparavamo un Harry Potter. Ecco
lui fronteggiava i draghi mentre io mi sono trovata in casa un topo... Chi mi conosce sa che ho una vera e propria fobia.
Sono riuscita a prendere la bambina, chiudermi in bagno e chiamare il marito rovinandogli la serata (  davvero mi sono sentita una m...) niente non l'abbiamo più trovato e adesso devo vivere in questa casa , da sola per la maggior parte del tempo, con la possibilità che riesca il simpaticissimo amico!! Non ce la posso fare.