martedì 30 luglio 2013

Leggere fa bene alla mente: 2° consiglio

Oggi vi consiglio un libro trovato in biblioteca sullo scaffale "ecosostenibile" si tratta di "Pecoranera" di Devis Bonanni, racconta la storia di questo ragazzo che ha deciso di tornare a coltivare la terra.

Ecco alcuni brani per invogliarvi alla lettura.

" Per quanto il contadino possa essere esperto della sua terra c'è sempre qualcosa che sfugge alla comprensione umana. E' il miracolo della vita, nel quale alcuni vedono la mano di Dio e altri l'abbraccio materno della Madre Terra. Comunque lo si chiami, rimane un miracolo tanto più grande quanto più lo si avvicini. " (pag 72)

"In quell'estate scoprii la nobile pratica del ciclismo, che non si risolve, come molti pensano, nel semplice atto della pedalata. Il ciclismo è impregnato di valori che trovano la loro massima espressione nella Fatica, nello sforzo estremo sconosciuto a ogni altra attività sportiva. " (pag 106) 

"Oggi continuo a fare errori. In agricoltura l'errore è la regola. Nonostante io abbia imparato molto continuo a non sapere." (pag 146)

Devi ha creato anche un blog: www.progettopecoranera.it

lunedì 29 luglio 2013

ingrediente indispensabile per un meatless monday?? Maionese vegana!

ah stasera ho una voglia pazza di hamburger e soprattutto non ho voglia di cucinare... si succede anche a me!
Sarà forse che ieri ho dato tutte le energie che avevo al fantastico concerto dei Blur?
Ragazzi che spettacolo, solo per loro potevo resistere in mezze a una ressa allucinante nel giorno più caldo dell'anno e soprattutto con una nuvola di terra che si alzava ogni volta che si iniziava a saltare( e si saltava parecchio, avrò inghiottito non so quanta sabbia)... ma sto divagando lo so, perdonatemi sono ancora tanto tanto emozionata..

Ovviamente il mio sarà un hamburger vegetale ma qui vi propongo gli ingredienti per una mayonese vegan adattissima per qualsiasi preparazione e molto più buona e sana rispetto quella normale, come sempre l'ho rubata a Marco Bianchi, il mio guru in fatto di nutrizione.

Ingredienti:


50 ml di latte di soia non zuccherato
150ml di olio di semi
Curcuma e erba cipollina a piacere

Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola adatta per usare il frullatore a immersione, azionare ... et voilà!
mi godo il mio paninazzo sognando di dividerlo con Damon albarn ahahaha... chissà se anche lui segue il meatless monday...



 

martedì 23 luglio 2013

I punti di vista di un ciclista urbano


Condivido dal blog Girly Bike.... condivido in tutti i sensi!


Leggere fa bene alla mente: 1° consiglio.

Ho appena terminato di divorare un libro "non impegnativo" e "leggero", condivido con voi:

Gaia Coltorti "Le affinità alchemiche"

...solo la fine mi ha lasciata un pò perplessa..... ma non anticipo nulla, in caso qualcuno lo voglia/stia leggendo.

lunedì 22 luglio 2013

VIII meatless monday: Mousse di fragole

Oggi propongo un dolce vegano, ho voglio di dolcezza e diciamo che in estate è molto più facile mangiare vegan... a me tante volte basta una bella insalata o delle bruschette.
La ricetta è tratta dal libro " la cucina Diet_Etica" di Emanuela Barbero e Luciana Baroni.
Ecco gli ingredienti:
500ml di latte di soia o di riso
500 ml di fragole
1 cucchiaino di agar agar in polvere
succo di mezzo limone
1 cucchiaino di malto di grano
 Scaldo il latte in una pentola con l'agar agar
quando comincia a bollire lo lascio per 2 minuti.
Spengo il fuoco e lascio intiepidire, senza però farlo raffreddare completamente sennò si solidifica.
Unisco il malto il succo di limone e le fragole, quindi frullo il composto.
versare nelle coppette o in bicchieri carini e lascio in frigo per almeno 2 ore.
Guarnisco con foglie di menta e gustate.

In questa ricetta noterete che ci sono degli ingredienti  non comuni, di solito cerco di rifarmi a ingredienti più noti ma arrivati al nostro ottavo appuntamento si può iniziare a variare.
Sono comunque facilmente reperibili nei negozi bio!
Happy  Sweet Meatless Monday!

sabato 20 luglio 2013

Primi Frutti dal balcone!

Aahahahahaha!
Ecco il mio primo raccolto: 2 buonissimi pomodori, certo non mi hanno sfamato ma volete mettere la soddisfazione?
Tra l'altro continuano a spuntarne di nuovi, il basilico cresce sempre bene eanche il rosmarino... la menta non è il massimo e non capisco perchè!
Questa settimana non ho pubblicato il meatless monday perchè per svariati motivi fino a giovedì non ho mai mangiato a casa ,Lunedì addirittura ero ad una grigliata in onore della laurea di una cara amica!
Per il resto della settimana sono stata vegetariana.
Sto cercando di utilizzare la bicicletta per i miei vari spostamenti ma per far ciò devo educare la mia cagnolina a stare nel cestino... diciamo work in progress,.
Ecco in breve le ultime novità.
Ah, ultima cosa, molti mi dicono che non riescono a scrivere commenti, cercherò di capire dov'è il problema!

lunedì 15 luglio 2013

Itinerari in bicicletta: passo dello Stelvio

Eccoci al nostro terzo appuntamento con gli itinerari in bicicletta, oggi ho deciso di parlarvi di una salita famosissima: lo Stelvio.
L'ho affrontata domenica, in realtà non volevo farla tutta, il mio obiettivo era quello di farne un pezzettino e aspettare il mio fidanzato che invece stava gareggiando alla Mapeiday, cronoscalata dello Stelvio da Bormio.... poi però ci ho preso gusto e l'ho terminata! Io sono salita tranquillamente e ci ho messo 2h e 30 minuti, in realtà pensavo che fosse molto più dura, certo bisogna avere un pò di allenamento, ma i punti veramente impegnativi sono ai 10 km (dove si tocca il 14%) e poi gli ultimi 3 km.


Difficoltà: elevata
tipo di bicicletta: mountain bike o bicicletta da corsa
percorso: strada asfaltata
lunghezza: 21,097 km
dislivello: 1533 mt (da 1225 a 2758s.l.m.)



Ed ecco qualche foto dell'impresa e del bellissimo panorama con i mitici tornanti!





sabato 13 luglio 2013

Parliamo un po' del pesce...

Solitamente posto ricette vegane o vegetariane ma, come ho già ampiamente detto, non sono vegetariana al 100% e se la carne non la compro più se non in occasioni rarissime non riesco a rinunciare al pesce soprattutto in estate.. dirò di più e forse questa cosa non piacerà a molti, ma proprio non voglio rinunciarci.
Il pesce è pieno di buone proprietà, è sano leggero e gustoso con dei proincipi nutritivi preziosi.
Il problema però è che la pesca sta saccheggiando il nostro mare e soprattutto alcune speci sono in via d'estinzione per cui mi sono data delle regole precise:
1) Non compro più Pesce spada, tonno, orata e branzino e tutti i pesci più "Vip"
... possibile che con tutta la varietà ittica esistente gli italiani e in generale gli europei mangiano solo queste speci?? Ormai sono quasi tutti di allevamento e rischiamo veramente di provocarne l'estinzione. Basta guardare un po' su internet e chiedere alla pescheria di deversificare un po'. Io sono fortunata perchè nella pescheria del mio paese ho tanta varietà e appena trovo i "Moli" non me li faccio scappare. Oggi quando li ho comprati una signora mi ha chiesto: "Ma cosa sono? non li ho mai sentitti!
2) Pesce azzurro, più sono piccoli più sono sani ed economici
Un problema dei nostri mari è la presenza del mercurio, i pesci che sembrano meno interessati a questo problema sono i pesci azzurri alici, sardine e sgombri( non quello reale),la quantità di u mercurio nel pesce è proporzionale alle sue dimensioni, quindi in questo caso siamo davvero fortunati, pesce sano e anche economico!
3) non mangiarlo sempre...  boicottare il pesce in scatola e le grandi multinazionali di pesce surgelato. Anche se fa bene cerco di comprarlo una volta al mese e di mangiarlo massimo una volta a asettimana , il nostro pesce ha bisogno di ricambio, bisognerebbe evitare di mangiarlo per un certo periodo dell'anno. Se penso a quanto è buono il tonno fresco mi viene rabbia a sapere quanta gente mangia quello in scatola... è uno spreco devastante.
Ultimo consiglio ma è per gusto personale... trovate una buona pescheria ed evitate i supermercati! il gusto non ha paragone.

giovedì 11 luglio 2013

Tanti auguri amica mia!!

Non potevo evitare di fare gli auguri per il suo compleanno alla mia " formichina" Chiara.
eeheheheh... non te l'aspettavi vero?
Colgo l'occasione per dire che sono contenta di averti nella mia vita e ti auguro tutta la felicità di questo mondo....

AUGURIIIIIII




Un po' di vita insieme....

martedì 9 luglio 2013

Leggere fa bene alla mente!

Penso, se ben ricordo, di aver rubato il titolo del post a una pubblicità progresso.... ma penso anche che questa pubblicità sia veritiera.
Io amo leggere...leggo veramente di tutto ( a parte il genere fantasy), e leggo molto nel senso che ho sempre tra le mani un libro e non vado mai da nessuna parte senza un libro...la mia valigia delle vacanze è ben zavorrata di libri e spesso ne ho uno in borsa.
Qualcuno potrà osservare che per alleggerire la mia valigia potrei dotarmi degli e-book...., ma sinceramente a me piace avere tra le mani un libro vero, sentirne l'odore e in alcuni casi anche la pesantezza, poterlo socchiudere e riaprire quante volte voglio in un secondo, insomma la tecnologia in tema di libri non mi ha conquistata (anche perchè quando devo usare il pc per tesi o lavori lunghi dopo un pò mi fanno male gli occhi!).
Inoltre penso di leggere in modo "etico" e rispettoso dell'ambiente, infatti il 95% dei libri che leggo li prendo in prestito in biblioteca (grazie anche al fatto che il sistema bibliotecario brianzabiblioteche, del quale mi servo, è molto ben fornito ed efficiente), il restante 5% riguarda guide turistiche, i libri dei miei autori preferiti e i regali che faccio ad amici o parenti. Tengo a precisare che non è una questione di tirchieria, ma forse di spazio....ho la libreria piena e una soffitta altrettanto ingombra di scatoloni e di allergia alla polvere..che inevitabilmente finisce per posarsi sui libri riposti nella libreria...


Ora vorrei lanciare una sorta di iniziativa: scambiarsi idee e titoli su libri interessanti, belli, coinvolgenti o perchè no che non ci hanno fatto impazzire o che non siam riuscite a finire (vi svelerò presto cosa non son mai riuscita a terminare), il tutto senza secondi fini, ma con l'intento di aprire ancora di più la mente!

A presto con i primi consigli!

lunedì 8 luglio 2013

VII meatless monday: insalata di kamut e orzo con verdurine di casa

Non so voi ma quando penso all'estate, mi viene subito in mente l'insalata di pasta o riso, soprattutto quella che preparava la mia adorata nonna Maria che aspettavo per ben 12 mesi... provavo a chiederla anche a marzo ma non c'era nulla da fare eheheh.
Oggi che non c'è più difficilmente la mangio, a meno che non me la prepari mia mamma, sento che la mia non reggerebbe il confronto, tuttavia la voglia mi è rimasta e anche l'intento di prepararla in versione più sana ( eh si, la mia Maria ci dava dentro con prosciutto uovo tonno ecc).
L'orzo e il Kamut sono di certo un'alternativa migliore rispetto al riso bianco raffinato, io ne preparo un bel po', di solito deve bollire circa un'ora in acqua salata, ma ho trovato anche una versione che circa in 12 minuti è pronto, l'ho trovato in un negozio bio, comunque basta attenersi all'istruzione della scatola.
Oggi avendo due confezioni già aperte ho deciso di mischiarli rispettando la cottura di ognuno. A fine cottura ho lasciato che raffreddassero.
Dopodichè ho preparato un soffrittino con cipoll ae pomodori, che ho appena scottato, a freddo aggiungerò le olive.. ho unito poi i ceriali,( non tutti metài li conservo in frigo e lì condirò a piacere per il pranzo di domani), per amalgamarli un po', poi ho spento il fornello. Per oggi mi sono arrangiata con quello che avevo in casa ma anche in questo caso si può scegliere cosa  ci piace di più.
Provate a portare in tavola questi ceriali, se ancora non avete provato,sono gustosi e sani... cosa chiedere di più?

questa foto assomiglia molto al mio piatto!

domenica 7 luglio 2013

Salmone mimosa

Oggi condivido con voi una fantastica ricetta per gustare il salmone, pesce buonissimo e ricco di omega 3, ricettina imparata all'addio nubilato culinario della cara Roby....

ingredienti per 10 persone (se proponete il piatto come antipasto, se invece volete cucinarlo come secondo piatto aumentate..)

- 1 filetto di salmone fresco di 1200/1400 kg con la pelle;
- 12 fette di pancarrè;
- 100 gr di prezzemolo;
- 1 mazzo di basilico;
- 1 spicchio d'aglio;
- timo e maggiorana freschi;
-120 gr olio di oliva;
- sale e pepe.

Pulite e tritate la maggiorana e il prezzemolo. Preparate un olio aromatico facendo rosolare l'olio con l'aglio schiacciato e il basilico e il timo, filtratelo da freddo.
Togliete la crosta al pancarrè e frullatelo con il prezzemolo, la maggiorana e l'olio aromatico.


Tagliate a rombi il salmone facendo attenzione a tenere attaccata la pelle (ovvero non incidetela).


Preparate una sorta di cuscinetto arrotolando la carta da forno e poi avvolgendola con l'allumino.


Adagiate il salmone sul cuscinetto.


Ricoprite il salmone con la panure.


Cuocete in forno  ventilato a 210° per circa 12/15 minuti.



Buon appetito a tutti!

sabato 6 luglio 2013

Il mio mini spazio verde...

Un altro passo verso la sostenibilità... per quanto mi è possibile  visto che possiedo solo un microbalcone, è quello di coltivare qualche pianta in vaso.
Per quest'anno ho deciso di piantare basilico, rosmarino, menta, pomodorini e per un personale bisogno estetico dei bellissimi gerani.
Per ora ho utilizzato la menta per profumare il mio the freddo homemade e la mia mousse di zucchine e qualche altro piatto.  Per il basilico ovviamente non serve che dica che mi aspetto  un fantastico pesto ma non solo, perchè lo adoro ed è presente nelle mie focacce, nelle paste e tra poco anche nei miei dolci.
Con il Rosmarino aromatizzo l'olio, le focacce e quando farà un po' più freddo non vedo l'ora di cimentarmi nel risotto al rosmarino di Montevecchia... ecco qualche foto dell'impresa!




mercoledì 3 luglio 2013

Antiparassitario naturale

Ho notato che nel mio "orto in vaso", per ora limitato alle piante aromatiche, la salvia ha preso qualche simpatico parassita.....

Così ho chiesto consiglio e mia zia mi ha detto di provare questo antiparassitario naturale, che funziona per ogni pianta tranne che per le rose.

Ecco la ricetta e il procedimento:
- acqua 
- aglio in spicchi 

ho recuperato un contenitore con coperchio, vi ho messo dell'acqua (circa 500 ml)  e poi ho immerso 5 spicchi di aglio pelati, quindi ho messo il contenitore chiuso in uno spazio aperto (mi raccomando non tenetelo in casa, puzza molto), lo terrò lì per 15 giorni, dopo di chè lo filtro e lo metto in uno spruzzino e lo vaporizzo sulle piante malate.

Vi terrò aggiornate..... 


lunedì 1 luglio 2013

VI Meatless Monday : pomodori ripieni di crema al tofu e sesamo.

Oggi per me niente meatless monday, ho un po' di avanzi da finire, quindi questo piatto me lo preparerò per domani che sarà il mio giorno vegano della settimana... Penso che molti storceranno il naso a vedere la parola tofu, anche io non lo amo ma in questa crema è più che commestibile, ve lo assicuro.
La ricetta l'ho presa dal libro di Marco Bianchi " Le ricette dei magnifici 20"solo che lui la propone con l'insalata belga, io preferisco scavare dei bei pomodori da insalata.
Ecco la mia ricetta con qualche personale correzione:
150 g di tofu
50g di olive nere denocciolate
1 spicchio d'aglio ( io al massimo ne metto metà)
4 cucchiaiai di olio E.V d'oliva
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di semi di girasole
4 cucchiai di semi di sesamo
1 pizzico di curcuma
Tostare i semi di girasole e sesamo in padella in una padella antiaderente.
Preparare i pomodori ( fatene almeno 2 a persona!)
Frullare nel mixer le olive, il tofu, l'aglio, l'olio, la curcuma e la soia.
Aggiungere mescolando i semi, lasciatene qualcuno per decorazione.
Potete inserire qualche verdura tagliata a dadini... come al soliti la parola d'ordine è sbizzarrirsi.
I prodotti come i semi e il tofu li potete trovare nei negozi bio!
Come vi sembra questa ricetta? troppo strana?
mi piacerebbe uno scambio di opinioni sul meatless monday, soprattutto di ricette! aspetto speranzosa commenti.


Itinerari in bicicletta: il lago del Segrino

Ri-eccomi per il secondo appuntamento di "itinerari in bicicletta", oggi, ispirata dalla mia pedalata mattutina, verso il lago del Segrino, vorrei condurvi alla scoperta del percorso ciclabile che contorna questo lago.

Vi propongo alcune alternative tra le quali scegliere per la vostra passeggiata.

percorso n° 1:

difficoltà: bassa (anzi inesistente)
tipo di bicicletta: mountain bike, city bike o bicicletta da corsa
percorso: percorso ciclabile che costeggia il lago del Segrino
lunghezza: circa 5 km


si tratta di raggiungere Longone al Segrino in auto e una volta scaricate le bici, potete percorrere la pista ciclabile e pedonale che costeggia il lago.

percorso n° 2: 

difficoltà: media, per ciclo-amatori
tipo di bicicletta: mountain bike, city bike o bicicletta da corsa
percorso: strada statale e percorso ciclabile
lunghezza: dipende da dove partite!

questa seconda alternativa si rivolge a ciclo amatori che abbiano qualche chilometro nelle gambe....si può partire da Monza, la distanza è quindi di 35 km, i primi 30 su strada provinciale e statale e gli ultimi 5 sul percorso ciclo-pedonale attorno al lago (esiste anche una pista ciclabile che parte da Monza, attraversa il Parco di Monza e giunge a Erba.....ma (anche per chi come me è della zona) alcuni tratti sono veramente introvabili!!!! se riuscite a scovarla poi vi rimangono solo gli ultimi 9 km, i primi 4 sono su strada statale e sono leggermente impegnativi in quanto si tratta della salita che porta al Lago.

Oppure potete partire da Como, dovrete percorrere quindi 10-12 km in direzione Erba e poi seguire per Longone al Segrino.

Se invece siete a Lecco affronterete la salita al lago passando prima da Pusiano, è leggermente più impegnativa dell'altro versante e anche un pò più lunga (5 lm di salita), in tutto il percorso da Lecco a Longone al Segrino è di circa 30 km.

percorso n° 3: 

difficoltà: alta, per chi è allenato
tipo di bicicletta:  mountain bike, city bike o bicicletta da corsa
percorso: strada statale 
lunghezza: dipende da dove partite!

questo ultimo percorso in realtà considera il lago del Segrino come punto intermedio e di passaggio per giungere al Santuario della Madonna del Ghisallo, il santuario dei ciclisti...
Da Longone si prosegue in direzione Asso e poi si segue per Bellagio, si arriva al Ghisallo dopo 25 km, ma ci sono tratti (soprattutto l'ultimo) abbastanza impegnativi.


le bici riposano nel prato del Segrino....