venerdì 31 maggio 2013

Polpettine di alici



Oggi voglio condividere con voi una semplice ricetta, anche abbastanza salutare, a base di alici... vi assicuro che queste polpettine sono buonissime!

Ingredienti per 4 persone:
  • 350 gr di alici
  • 120 gr formaggio piave stravecchio
  • 6 steli di erba cipollina
  • 2 uova
  • 100 gr di pangrattato
  • 100 gr di farina
  • olio
  • sale e pepe

Pulire le alici, scaiquarle sotto l'acqua e asicugarle con la carta assorbente.
Grattuggiare il formaggio, lavare l'erba cipollina e tagliuzzarla.
Tritare le alici grossolanamente, quindi amalgamarle con le uova sbattute, il pangrattato, l'erba cipollina e il formaggio grattuggiato.
Formare delle piccole polpettine e passarle nel pangrattato per ricoprirle, quindi cuocerle in una padella con olio caldo, finire la cottura in forno per circa 20 minuti.

Io le ho accompagnate con una semplice insalata, ma stanno veramente bene con qualsiasi contorno.

lunedì 27 maggio 2013

2 meatless Monday: piadina di farro con seitan e verdure a scelta

Oggi vi propongo un piatto veloce e veramente alla portata di tutti soprattutto di quelli che non hanno tanta voglia di mettersi ai fornelli dopo una giornata di lavoro... quindi niente scuse, si può avere un giorno vegano anche se non si ha assolutamente voglia di passare più di un quarto d'ora a spignattare.
La piadina non deve esssere quella solita ma quella fatta solo con alimenti vegetali come l'olio d'oliva al posto dello strutto o quelle integrali come quella al farro.
Il Seitan, per chi non lo conoscesse è un alimento altamente proteico ricavato dal glutine, io lo adoro mentre faccio più fatica con il tofu altro alimento amato dai vegani.
Si può comprare nei negozi bio oppure cimentarsi nel farlo da soli.
Io se lo compro in negozio lo tengo in ammollo un'oretta nell'acqua per fargli perdere il sale in eccesso.
Dopodichè lo taglio a pezzetti,  lo infarino, lo butto in padella, per circa 5-7 min con un goccio d'olio e poi lo spruzzo con il limone.. tipo scaloppina.
In un altra padella scaldo la piada, la farcisco con il Seitan e con verdure a piacere, io stasera ho a disposizione pomodori, zucchine rapanelli con le sue foglie e avocado.
Non vedo l'ora di mangiarmela e ... buon Meatless Monday a tutti.
Ah dimenticavo gli altri 2 pranzi della giornata: colazione e pranzo.
Per quanto riguarda il primo io sono solita mangiare il latte di mandorle o di riso con muesli o un dolce vegano che preparo io, per il pranzo invece mi preparo un piatto di pasta con le verdure.
Devo dire che è difficile rinunciare al cornetto della mattina e a volte non sempre rieco il lunedì a non mangiare nessun derivato animale, ma non mi scoraggio dopotutto la settimana ha altri 6 giorni!

sabato 25 maggio 2013

Aceto + oli essenziali = Ammorbidente

L' aceto è una grandissima scoperta... voglio dire che è stupefacente la sua versalità visto che per me ha sempre rappresentato solo un condimento per insalata!!
Può benissimo essere utilizzato per creare dei detersivi anche se a molti ( me compresa) il suo odore risulta un po'sgradevole.
Se volete avere un buon ammorbidente a costo zero basta metterlo nella lavatrice,nel cassettino apposito, magari unito a qualche goccia do olio essenziale che più ci piace e il bucato sarà morbido e profumato.
Visto che il tempo non mi permette di godermi la natura, non mi resta che dedicarmi alle pulizie... sigh che tristezza...

giovedì 23 maggio 2013

Che fare del vecchio computer...idee per evitare la discarica.

Ho da poco acquistato un nuovo pc....il mio vecchio (12 anni) mi stava lentamente abbandonando!
Non volendo buttare il pc in discarica mi sono informata e ho scoperto alcune soluzioni alternative:

- si possono regalare a gruppi che li rigenerano gratis per donarli a scuole e associazioni, per come fare si può consultare il sito www.trashware.info;

- si possono aiutare gli animalisti o i più poveri, come? Andando su cellulariperbeneficenza.it si trovano progetti di oltre 40 onlus tra cui scegliere e l'elenco dei punti vendita con i bidoncini di raccolta in tutta Italia, l'80% del valore stimato del vecchio pc si trasforma in donazione per l'onlus scelta;

- su Yourec.it si può donare il vecchio pc (e altri oggetti), si tratta infatti della prima community di annunci gratis di cose gratis.

Se volete proprio buttare il vostro vecchio pc ricordatevi che se ne acquistate uno nuovo il rivenditore è obbligato a ritirare il vecchio prodotto, altrimenti va smaltito nelle apposite discariche.


E io? Cosa ho deciso riguardo al destino del mio vecchio pc???? Lo do al mio fidanzato.....per impratichirsi!

lunedì 20 maggio 2013

Benvenuta Giuditta!

Colgo l'occasione della nascita di Giuditta, figlia di un'amica di vecchia data, Bebe, per provare a dare un'idea utile per fare un regalo alle amiche che hanno partorito...spesso infatti si regalano tanti vestitini che poi  non verranno utilizzati perchè spesso diventano piccoli prima di poter essere indossati dai pupetti.
Un'altra delle mie passioni è il ricamo, quindi quando so di un nuovo arrivo della cicogna, mi organizzo per tempo e ricamo bavaglini, lenzuolini, copertine, asciugamani etc....
Compro "la base" in un negozio nelle vicinanze di casa e poi via libera alla fantasia e alla creatività!!
Ecco il lenzuolino che ho confezionato per Giuditta (grazie ancora a Bebe per aver permesso di mettere la foto).


Oltre alla soddisfazione personale di aver creato con le vostre mani il regalo ci sarà anche la soddisfazione di regalare qualcosa di unico!

1 meatless Monday: mousse di zucchine

Ed eccoci al nostro primo appuntamento del Lunedì vegano.
La ricetta che vi propongo oggi non è mia ma è diventato un piatto che preparo molto spesso e che i miei amici sono soliti a chiedermi quando vengono a cena, l'ho presa dal libro di Marco Bianchi " le ricette dei magnifici 20"
 Io solitamente la mangio su pane abbrustolito come una bruschetta... ma è abbastanza versatile.
Ingredienti x 4:
250g di zucchine
30g di mandorle
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaio di salsa di soia
1 ciuffo di prezzemolo( io non lo metto e spesso uso la menta)
6 cucchiai di olio e.v
1 cucchiaino di pane integrale grattuggiato.

Taglio le zucchine e le faccio saltare in padella con olio e aglio e prezzemolo.
Dopo un po'sfumate con la salsa di  soia e e eventualmente acqua
Quando le zucchine sono tenere trasferite tutto nel mixer e aggingete le mandorle e il pane grattuggiato. Frullate e gustate.



venerdì 17 maggio 2013

Pane fatto in casa

Oggi, finalmente, è arrivata la macchina per fare il pane (grazie alla raccolta punti di un supermercato)....mi sono subito cimentata nella preparazione del pane bianco... ecco il risultato!!!


Io ho seguito la ricetta base e più semplice, essendo la prima volta che ho usato la macchina del pane.

Ecco le dosi degli ingredienti:
acqua 330 ml;
olio 2 cucchiai;
sale 1 e 1/2 cucchiaino;
zucchero 1 cucchiaio;
latte in polvere 2 cucchiai;
farina 605 gr;
lievito 1 e 1/2 cucchiaino.



giovedì 16 maggio 2013

Rimedi naturali per il mal di gola

Con questo tempo così instabile è ancora facile prendersi un mal di gola nonostante siamo a metà maggio, se non volete ricorrere a pastiglie e/o farmaci provate con uno di questi rimedi; non sono frutto della mia invenzione, ma derivano dalla saggezza popolare.

- in un bicchiere di acqua aggiungete un cucchiaio di aceto ed effettuate dei gargarismi tre o quattro volte al    giorno, se invece l'infiammazione è molto estesa bevete il composto;

- fate dei gargarismi con una tazza di thè in cui avete aggiunto la spremuta di un limone intero;

- schiacciate due spicchi d'aglio freschi e aggiungeteli a due cucchiai di miele integrale, amalgamate bene e assumete due o tre cucchiaini al giorno;

- fate di gargarismi con il succo di cipolla fresco...attenzione brucia un pò; 

- fate dei gargarismi con l'infuso concentrato di rosmarino;

- fate dei gargarismi con un infuso concentrato di salvia,

-lasciate macerare un cucchiaio di foglioline fresche tritate di melissa in un bicchiere di sidro e aggiungete un cucchiaino di miele, usate il composto per fare dei gargarismi;

- aggiungete a un concentrato di foglie di borragine una spremuta di limone ed effettuate dei gargarismi più volte al giorno;

- preparate un infuso con una macinata di fiori di sambuco, una di menta e una di fiori di tiglio, unite un cucchiaio di miele e uno di succo di limone e bevete durante la giornata; 

- macerate per qualche ora delle foglie di menta in acqua, filtrate e fate dei gargarismi;

- in un bicchiere mettete un cucchiaio di aceto bianco, un cucchiaio di miele e diluite con dell'acqua tiepida, bevetene due o tre bicchieri al giorno;

- scaldate del latte, aggiungetevi miele e/o cognac, bevete il composto, molto caldo.

Ognuno troverà il rimedio più adatto a sé!!!







martedì 14 maggio 2013

Meatless Monday, basta un giorno senza carne per aiutare il pianeta...

La prima volta che ho sentito parlare del Lunedì senza carne ero dal parrucchiere e stavo sfogliando un giornale di moda che parlava di alcuni personaggi famosi come Paul Mc Cartney, Chris Martin leader dei Coldpay e la sua dolce metà... pensare a volte da dove parte il cambiamento!.
Stimo da sempre il leader dei Beatles quindi ho proseguito con la lettura e  l'iniziativa mi è sembrata davvero importante....
Molti nutrizionisti sono ormai concordi nel dire che il consumo assiduo di carne sia deleterio per la propria salute ma non tutti sanno che limitarla o addirittura eliminarla dalla propria dieta faccia  bene anche al nostro pianeta!
L'allevamento del bestiame produce nel mondo più gas serra e riscaldamento per non parlare del territorio che sottrae alle foreste per creare campi nati con il solo scopo di nutrire gli animali  di cui noi stessi ci cibiamo.
Eliminare la carne ogni lunedì è stato uno dei miei primi passi verso uno stile di vita più consapevole e basta davvero così poco, solo un giorno da vegani, per fare bene a noi stessi e all'ambiente!

Vorrei lanciare anche qui questa fantasica idea... voglio dire, se lo fa anche Paul, posso io deluderlo? certo che no! quindi da settimana prossima, ogni domenica cercherò di postare l'idea per il menù del giorno dopo, spero  in un bellissimo scambio di ricette vegan...

domenica 12 maggio 2013

Hispica's Carrot... una bellezza differente. Naturalmente.

Durante una lezione al Politecnico in cui Franci è stato invitato come ospite, ha conosciuto due ragazze che gli hanno presantato la loro idea di business: una linea di cosmetici a base di Carota novella di Ispica, un prodotto a indicazione geografica protetta che cresce nella zona di Ragusa.
Proveniente da sistemi di Agricoltura Biologica è certificata e protetta dall'Unione Europea, proprio per le sue caratteristiche intrinseche legate al microclima e al micro-ambiente. La carota di Ispica, ingrediente base della linea che oggi vi presento, è stata studiata dai laboratori del dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell'Università di Pisa che ne hanno domostrato gli ottimi benefici per la pelle, grazie all'elevato potere antiossidante del suo estratto lipolico e idroglicerico.

La materia prima utilizzata è impreziosita con una serie di oli ed estratti naturali di riconosciuto pregio. La linea si compone di tre prodotti: la crema corpo tonificante, la crema viso anti invecchiamento e l'olio solare.

La domanda ora è questa: Perchè pubblicizzo questo prodotto?
1) Trovo formidabile che delle ragazze così giovani abbiano messo in piedi un'idea di business che si basi sulla qualità della materia prima e sulla valorizzazione di un prodotto unico ma tipico di una parte del territorio italiano, senza cercare quell'estenuante esoticità che sembra oggi pervadere tutto il settore della cosmesi. Abbiamo cosi tante risorse nel nostro paese, finalmente qualcuno che se ne rende conto!!
2) vorrei riportare una loro frase presente nella lettera di accompagnamento dei campioncini ricevuti : "Qualsiasi elemento chimico, sintetico, industriale, è un corpo morto, non riempirti di sostanze malate e negative"!

se volete saperne di più, andate sul loro sito: HC Natural Care


giovedì 9 maggio 2013

Ravanelli o Rapanelli? in ogni caso prendi uno e mangi due!

Mentre cerco di risolvere un personale dubbio amletico su quale sia il nome esatto, vorrei un po' parlare di questa fantastica verdura.... li adoro da sempre, è una delle poche verdure che mangiavo anche quando ero piccola.
Solitamente pulivo bene la parte rossa e gettavo le sue foglie verdi... sbagliavo di grosso!!
Come ho imparato da altri blogger e da libri letti di recente, le foglioline possono benissimo essere usate in insalata oppure in ricette di questo tipo, consigliata dalla mia mamma che per ora resta la cuoca insuperata della  famiglia:
 Zuppa con foglie di Ravanello
Ingredienti
1cipolla bianca piccola
1patata di media dimensione
2 mazzi foglie di ravanello (ho deciso che lo chiamo così)
legumi a piacere cotti in precedenza o sennò quelli in scatola, basta una, (piselli, fagioli, ceci, cannellini, cicerchie).I piselli vanno benissimo anche quelli freschi.
Brodo vegetale, guardate voi ad occhio a seconda di quanti legumi mettete

Soffriggere nell'olio la cipolla e la patata, tagliata molto fine in modo da cuocere prima, infine mettere il legume scelto.
Dopo qualche minuto aggiungere il brodo vegetale.In mezz'ora circa la zuppa dovrebbe essere pronta.
Negli ultimi 5- 10 minuti inserire le foglie.



La parte rossa del ravanello la gusto in insalata, mi piace semplice così.

diamoci da fare e puliamo i vetri!

Non so voi, ma io mi sento male ogni volta (e non sono mai più di 3/4 all'anno!) in cui devo, e sottolineo il devo, pulire i vetri....non vengono mai bene e rimangono sempre gli aloni... ho provato questo preparato casalingo e sembra andare meglio.
Ecco la "ricetta":

1/2 bicchiere di alcool rosa;
1/2 bicchiere di aceto bianco;
250 ml di acqua tiepida;
3 gocce di detersivo per piatti

e un po' di olio di gomito!

Per praticità io ho messo la soluzione in un vecchio spruzzino (ecco l'anima ecologista!) così è sempre pronto.

lunedì 6 maggio 2013

piatto super low cost: frittata con tarassaco

Avete presente quel fiore giallo che cresce nei prati, con intorno quell'erbetta verde? ecco, quello è il tarassaco!
basta coglierlo nel proprio giardino o nei parchi e nei boschi, lontano dalle zone più trafficate pulirlo bene bene... e il gioco è fatto, si può gustarlo in insalata o in una frittatina come ho fatto io stasera.
Ha proprietà diuretiche ed è ricco di potassio, in più è veramente a costo zero o se lo trovi dal fruttivendolo ha un prezzo veramente bassissimo.
Io oggi ho utilizzato l'erbetta verde ma al più presto spulcerò qualche ricetta valida in cui mi posso gustare anche i fiori!!
Prima fantasticavo pensandomi in una bella casa vecchia, come piacciono a me, attorniata da gallinelle che mi sfornano uova con cui preparare torte e frittate.. allora sì che potrei parlare di ricette veramente a costo zero.
Per il momento il mio amato bilocalino non è attrezzato per ospitare galline anche perchè Thea le mangerebbe in un solo boccone quindi mi accontento di comprare  stando bene attenta che provengono da allevamenti a terra, meglio se biologici. Odio pensare che le uova provengono da lager in cui le galline vengono trattate in maniera crudele!!

mercoledì 1 maggio 2013

Avanzi di pancarrè? fatti un french toast!

In questi giorni io e Franci non siamo stati molto bene, febbre e mal di stomaco non ci volevano lasciare e così visto che l'appetito scarseggiava e la voglia di cucinare pure, una sera ci siamo fatti dei toast e mi è rimasta da finire la confezione, giusto 4 fette...
Prima che mi dimenticassi della loro esistenza nella mia cucina mi sono decisa a trovare un modo per finrli...con il prosciutto basta, mi sono data la regola di mangiarlo molto raramente, così mi sono buttata su una ricetta moolto golosa: i french toast.
Lo so, lo so,sono una vera e propria bomba calorica, non si può definire una ricetta sana e probabilmente i miei trigliceridi mi odiano ma.... un po' di indulgenza con se stessi ogni tanto ci vuole!!
Finalmente mi godo una giornata di vacanza, il sole splende... cosa c'è di meglio di una peccaminiosa colazione che solletichi il mio palato?
 ecco qui la ricetta x 2
4 fette di pancarrè
2 uova
2 cucchiai di zucchero di canna
50 ml di latte( io ho usato quello di mandorle)
 burro per ungere la padella

Accompagnamento a piacere, io avevo una buonissima marmellata di frutti di bosco.

Mescolo le uova con il latte e lo zucchero in una bacinella
metto la padella sul fuoco lasciando sciogliere una noce di burro, avendo cura di ungerla tutta..
 immergo le fette di pane nell'uovo e a seconda di quanto è grande la tua padella ( nella mia ce ne stanno 2 alla volta) le posizioni. ogni fetta di pane deve andare almeno 2 minuti per lato.

Una volta cotte  ho spalmato sopra la mia marmellatina ... uhmmmmm... deliziose, ti fanno iniziare la giornata con una marcia in più!
Adesso vado a camminare svariate ore per smaltire... Buon primo Maggio!!