sabato 30 marzo 2013

Consigli economici e casalinghi per la bellezza

Oggi voglio condividere con voi  anche alcuni "trucchi" per la nostra bellezza.

- Un peeling eccezionale ed economico:
   preparate un impasto con farina d'avena e acqua, deve essere abbastanza consistente, applicatelo sul viso
   e lasciatelo asciugare finchè la pelle "tira", quindi toglietelo massaggiando il viso con movimenti rotatori dei
  polpastrelli. Avrete eliminato pelle morta e punti neri.

- Come farsi da soli lo shampoo secco:
  mescolate 1 cucchiaio di sale e 1/2 bicchiere di Maizena. Per facilitare l'uso dello shampoo secco mettetelo
  in una saliera a fori larghi e spargetelo sui capelli. Spazzolando poi i capelli vedrete che unto e sporco se ne
  andranno.

A proposito di smalto...

Dovete saper che io metto lo smato sulle unghie solo nelle occasioni importanti e d'estate, sì perchè quelo delle mani mi dura pochissimo, sia per il lavoro che per...incompatibilità.... mentre quando ho i piedi in sandali etc mi piace avere le unghie curate e smaltate.
Il problema però è che così facendo lo smalto si secca, ecco quindi un semplice rimedio: tenetelo in frigorifero! In questo modo si manterrà fluido e no si formeranno grumi.
Se invece il mio consiglio è arrivato tardi, ma non avete ancora buttato lo smalto ormai secco provate a immergerlo in un recipiente di acqua bollente, questo rimedio funzionerà anche se lo smalto risulta vischioso.

giovedì 28 marzo 2013

I miei primi passi verso l'ecosostenibilità

Non so neanche io dire con esttezza quando è nato il mio intento di vivere cercando una via piùsostenibile e più attenta all'ambiente...
Di sicuro ha influito la crisi dopo il periodo pazzo in cui non riuscivo a rinunciare a viaggi, ristoranti e lussi vari. Come si dice di necessità virtù, ma in quel momento ero più interessata al risparmio che all'ecologia.
Un giorno però mi sono accorta che il mio bilocale straripava di cianfrusaglie inutil(, sono molto disordinata) e nel cercare di pulire ho riempito almeno 7 sacchi della spazzatura, in una casa di 60 mq. Forse è stato lì che mi sono accorta di quanti rifiuti producessi e che dovevo smettere di accumulare.
1 passo: comprare meno.
Da settembre lavoro a Milano e nel momento in cui sono stata assunta dovevo decidere se passare le mie mattine in tangenziale sulla mia cara macchinetta o prendere autubus e metro. Tra le 2 proposte allettanti ho optato per la seconda  e anche se certe volte impiego quasi il doppio del tempo per spostarmi mi consolo pensando al tempo che dedicoalla lettura e noto che in questo lasso di tempo partorisco idee geniali.
2 passo: usare i mezzi.
Tra le mie grandi passioni ci sono la lettura e la cucina che sono state fondamentali per questo cambiamento di rotta. Cercando ricette nuove e soprattutto più sane mi sono imbattute in libri che documentavano quanto l'alimentazione fosse importante per prevenire malattie gravi e tutte concordavano nel limitare considerevolmente la carne,una grande rinuncia per me che l'adoro ma necessaria: ora la mangio raramente ma non sono ancora riuscita a limitarla del tutto.
Attraverso un libro che mi ha prestato mia mamma ho conosciuto il percorso di Stefania Rossini che mi ha davver aperto la mente e il suo blog è una continua fonte di ispirazione!
3 passo: limitare la carne e continuare a imparare dagli altri.
Questi in definitiva i miei primi passi verso questa nuova scelta di vita... spero che il cammino sia ancora lungo!


mercoledì 27 marzo 2013

Prendi 1 e mangi 2

Un'altra verdura che amo sono le "coste", si possono mangiare in tanti modi e soprattutto non si butta via niente.
Io, per esempio prendo i gambi, li butto in acqua bollente salata per qualche minuto e li scolo bene.
Il passaggio successivo è l'impanatura: li passo nell'uovo poi nella farina di riso dopo non mi resta che buttarli nell'olio di semi bollenti e friggerli per pochi minuti.
Sono deliziosi e sfiziosissimi soprattutto se si aggiunge un pizzico di sale, sembra di mangiare delle patatine e infatti a volte li preparo per un bell'aperitivo prima di cena.
Le foglie delle coste si possono utilizzare in mille modi: io in genere ci preparo un'insalatina oppure le tengo da parte per una frittata...insomma una verdura che vale per due!

giovedì 21 marzo 2013

Crema di Sedano Rapa!

Ho da poco scoperto una nuova fantastica verdura: il sedano rapa.
Devo ringraziare la zia di Fra, mio marito, per questa incredibile scoperta che ci ha letteralmente conquistati tanto che il puré di patate è ormai un lontano ricordo.... ecco la ricetta per 2 persone, mi vergogno a chiamarla così perchè è davvero troppo facile:
1 sedano rapa
Latte di soia q.b
sale e pepe.
 Taglio il sedano rapa a pezzetti eliminando la sua corazza esterna.
Metto i pezzetti in una pentola e lo copro con il latte, quanto basta per coprire i pezzatti ma senza sommergerli completamente.
Pentola sul fuoco e lascio andare fino a quando non sento i pezzetti sfaldarsi.
tolgo dal fuoco e riduco in purea con il mini pimer
Sale e pepe a piacere.
Un fantastico contorno per un secondo piatto.


mercoledì 20 marzo 2013

Sbiancante per....tutto!

Magliette, camicie, tende o tovaglie macchiate o ingiallite????

Provate ad autoprodurvi questo sbiancante....il risultato è garantito!

ingredienti:
 - il succo di mezzo limone
 - 2 cucchiai di bicarbonato
 - 2 cucchiai di sapone di marsiglia grattuggiato
 - una baccinella di acqua tiepida

Mescolate tutti gli ingredienti finchè il bicarbonato e il sapone di marsiglia si sciolgano, quindi immergete il vostro capo (maglia, camicia, tenda o altro) ingiallito o macchiato e lasciatelo in ammollo per almeno 3 ore, ma se volete anche tutta la notte.
Quindi sciaquate a mano o in lavatrice......risultato garantito!!!

Buone pulizie di primavera.

sabato 16 marzo 2013

Prima produzione: Deodorante

Quando ho deciso di darmi alle autoproduzioni, onestamente non sapevo da che parte iniziare!
Ho passato giorni a curiosare su vari blog, ho letto libri e manuali fino a quando mi sono detta:" Ok, guardiamo la lista della spesa e vediamo se c'è qualcosa che posso produrre da sola...".
L'occhio è stato catturato dalla voce deodorante, mi sembrava così strano che un prodotto del genere potesse essere fatto in casa e invece avevo notato delle ricettine niente male, così ho tentato e questa è la mia personale versione:

Un bicchiere d'acqua
1 cucchiaino di bicarbonato
10 goccie di olio essenziale alla Menta
5 gocce di o.e al limone.
Ho riempito la mia vecchia confezione di deodorante, ho shakerato ben bene per non far depositare sul fondo il bicarbonato e ho riposizionato lo spruzzino.

Mi sono trovata subito bene, con risultati migliori di quelli tradizionali. Questo è stato il mio primo step verso le autoproduzioni ed ero molto soddisfatta anche all'idea che non avrei mai più buttato l'involucro nella plastica!

martedì 12 marzo 2013

About Us

Ciao a tutti!
Siamo Anna e Chiara, amiche brianzole da almeno 15 anni, sempre pronte a nuove avventure.
Ci siamo conosciute sui banchi di scuola e benchè molto diverse ci siamo apprezzate subito e come si dice... non ci siamo più lasciate.

A me, Anna, se un anno fa avessero detto che avrei creato un blog sul risparmio, l'autoproduzione e l'ecologia, avrei riso a crepapelle:... non me ne poteva fregare di meno, uscivo quasi tutte le sere a mangiar fuori, compravo vestiti in quantità industriale e mi riempivo la casa di oggetti assolutamenti non necessari.
Una crisi, sia personale che economica, mi ha costretto a fermarmi e a rimettermi totalmente in discussione.
Prima è sopraggiunto il bisogno immediato di frenare tutte le mie spese pazze con un non indifferente cambiamento di stile di vita poi è arrivata, non so neanche bene come, la consapevolezza che questa crisi mi aveva mostrato la superficialità della mia esistenza.
Non dico che adesso non esco più e muoio ancora di desiderio nel vedere le borse griffate ( sono il mio tallone di Achille) ma ho imparato a limitarmi ad essere come si dice, più sobria e vorrei usare questo blog come un personale diario che descriva questo mio cambiamento, questa mia discesa dalle montagne russe. Mi dedico alle autoproduzioni e imparo qualcosina di riclo e non ultimo adoro cucinare.

Io, Chiara, sono l'amica "trascinata nell'avventura"... non che il tema dell'ecologia non mi stia a cuore (sono rigidissima nella raccolta differenziata), ma appunto fino a poco fa questo era il mio "essere ecologica".
Poi ho pensato di poter coltivare qualche erba aromatica e un pò di insalata in vaso....e così forse a breve il progetto partirà; poi Anna mi ha fatto provare una delle sue autoproduzioni e ha acceso il mio interesse per il risparmio casalingo.In realtà, delle due, sono quella più pratica in termini di riciclo di materiale per fare....bhè lo scoprirete a poco a poco seguendo il blog....

E così eccoci qui.... buona lettura!

Anna e Chiara